MALADJUSTED

On this glorious occasion… of the splendid defeat

I wanna start from
Before the beginning
Loot wine, “Be mine, and
Then let’s stay out for the night”
Ride via Parkside
Semi-perilous lives
Jeer the lights in the windows
Of all safe and stable homes
(But wondering then, well what
Could peace of mind be like?)
Anyway do you want to hear
Our story, or not?
As the Fulham Road lights
Stretch and invite into the night
From a Stevenage overspill
We’d kill to live around
SW6 – with someone like you
Keep thieves’ hours
With someone like you
As long as it slides
You stalk the house
In a low-cut blouse:
“Oh Christ, another stifled
Friday night!”
And the Fulham Road lights
Stretch and invite into the night
Well, I was fifteen
What could I know?
When the gulf between
All the things I need
And the things I receive
Is an ancient ocean
Wide, wild, lost, uncrossed
Still I maintain there’s nothing
Wrong with you
You do all that you do
Because it’s all you can do
Well, I was fifteen
Where could I go?
With a soul full of loathing
For stinging bureaucracy
Making it anything
Other than easy
For working girls like me
With my hands on my head
I flop on your bed
With a head full of dread
For all I’ve ever said
Maladjusted, maladjusted
Maladjusted, maladjusted
Never to be trusted
Oh, never to be trusted
There’s nothing wrong with you


In questa gloriosa occasione… della splendida disfatta

Voglio cominciare da
Prima dell’inizio
Vino saccheggiato, “Sii mio e
Poi restiamo fuori tutta la notte”
Giro attraverso Parkside
Vite semi-pericolose
Deridiamo le luci alle finestre
Delle sicure e stabili dimore
(Ma chiedendoci poi, a cosa
Potrebbe corrispondere la pace della mente?)
Ad ogni modo, vuoi ascoltare
La nostra storia oppure no?
Mentre le luci di Fulham Road
Si estendono e invitano nella notte
Da una Stevenage sovrappopolata
Uccideremmo per vivere attorno
L’autostrada SW6 – con qualcuno come te
Fare le ore piccole
Con qualcuno come te
Finché scivola
Ti avvicini di soppiatto alla casa
In una camicetta scollata:
“Oh Cristo, un altro soffocato
Venerdì notte!”
E le luci di Fulham Road
Si estendono e invitano nella notte
Beh, avevo quindici anni
Cosa potevo sapere?
Quando l’abisso fra
Tutte le cose di cui ho bisogno
E le cose che ricevo
E’ un antico oceano
Vasto, selvaggio, sperduto, mai attraversato
Ancora sostengo che non ci sia nulla
Di sbagliato in te
Fai tutto ciò che fai
Perché è tutto ciò che sai fare
Beh, avevo quindici anni
Dove potevo andare?
Con un animo pieno di disgusto
Per la pungente burocrazia
Che rende ogni cosa
Tutto fuorché facile
Per le ragazze che lavorano come me
Con le mani sulla testa
Mi dimeno sul tuo letto
Piena di terrore
Per tutto ciò che mai ho detto
Disadattata, disadattata
Disadattata, disadattata
Oh, non bisogna mai fidarsi
Non bisogna mai fidarsi
Non c’è nulla di sbagliato in te